Le lastre di Chladni

Il signor Ernst Florens Friedrich Chladni si divertiva a far vibrare con un archetto di violino lastre cosparse di polvere, creando disegni diversi a seconda delle frequenze. In pratica la polvere si dispone secondo curve che scontornano i punti di maggior vibrazione.
L’esperimento oggi si può fare anche con la voce (mettendo una cassa sotto la lastra) come fa Meara O’Reilly.
Il fenomeno si verifica anche sulla superficie dell’acqua e (in misura minore e con risultati di scarso valore estetico) anche lavorando una tavola di legno con una levigatrice… :)

Il giochino diventa VERAMENTE d’effetto se al posto dell’acqua si usa un liquido non-newtoniano e potete anche farlo in casa.

video

Quanto è bella (e incredibile!) l’intelligenza dell’universo:

chladni tortoise