LIBRI: NEL 2005 PIU’ DELLA META’ DEGLI ITALIANI NON HA LETTO

Libro, questo sconosciuto. Piu’ della meta’ degli italiani, il 57,7 percento, non ne ha letto neanche uno durante tutto il 2005, e il 20,1 per cento ne ha letti, si’ e no, tre. Il che attarda inesorabilmente l’Italia nella corsa allo sviluppo, vista la strettissima relazione tra indice di lettura e Pil. E’ il desolante quadro che emerge dalla ricerca dell’Associazione Italiana Editori sul valore di sviluppo economico della lettura, presentata oggi a Roma durante gli Stati Generali dell’Editoria che hanno il significativo titolo “Investire per crescere”. I dati che emergono indicano un lieve miglioramento nell’indice di lettura (l’area della non lettura era del 61,4 per cento nel 2000), il che vuol dire che in cinque anni sono rientrati nel mercato della lettura quasi 2,5 milioni di persone. Tuttavia, solo il 5,7 per cento degli italiani dichiara di leggere almeno un libro al mese: troppo poco, sostiene il rapporto, per competere sui mercati internazionali. Se in Italia ha letto almeno un libro il 42,3 per cento della popolazione, infatti, nello stesso periodo si registra il 61 per cento in Francia, il 66 in Germania, il 73,5 in Gran Bretagna e via dicendo. Eppure, il rapporto evidenzia uno stretto collegamento tra il tasso di lettura e la produttivita’, prendendo in esame un periodo che va dal 1980 al 2003. I risultati sono inequivocabili: le regioni del nord, che contribuiscono per il 54,02 per cento al Pil, raccolgono il 53,4 per cento dei lettori; quelle del centro portano il 21,03 per cento del Pil avendo il 20,24 per cento dei lettori; il sud, infine, contribuisce per il 24,94 per cento al Pil, con il 26,2 per cento dei lettori. Piu’ lettori, uguale piu’ Pil, insomma: si va dalla Lombardia che contribuisce al Pil per il 18,9 per cento e ha il 20 per cento di lettori, alla Puglia, con il 4,7 per cento del Pil e il 4,6 per cento di lettori.

da “la Repubblica

cazzarola, capisco leggere poco, capisco che è più semplice mettersi davanti alla tele dopo una giornata di duro lavoro in miniera, ma, dico cazzo, NEMMENO UN LIBRO in un anno… mah.

1 commento

  1. Pingback: fiorellino

I commenti sono chiusi.